Pievepelago, Provincia di Modena

Scoperte Archeologiche nell'Appennino Modenese: Le Mummie di Roccapelago

Natura

Date disponibili

  • Sun Nov 01 2020 08:00:00 GMT+0000 (Coordinated Universal Time)

    Sun Nov 01 2020 08:00:00 GMT+0000 (Coordinated Universal Time)

    Sun Nov 01 2020 08:00:00 GMT+0000 (Coordinated Universal Time)

Sun Nov 01 2020 08:00:00 GMT+0000 (Coordinated Universal Time)

dalle 09:00 alle 14:30

€20

persona
Potrai richiedere gratuitamente il rimborso in crediti, utilizzabili per un altro evento,
Siete pronti a vivere un’esperienza irripetibile? Se anche voi, almeno una volta, avete voluto sentirvi come nel film “Una Notte Al Museo”, quest’uscita fa al caso vostro!

I piedi in territorio modenese, la mente nell’Antico Egitto: basterà soltanto un pizzico di immaginazione, perché avremo un incontro ravvicinato con delle vere e proprie mummie!

Situato vicino a Pievepelago, Roccapelago ospita un gioiello inaspettato: il Museo delle Mummie, una perla di storia incastonata in un grazioso paesino del modenese.

Le mummie che vedremo sono frutto della conservazione naturale di parte della comunità sepolta tra la seconda metà del ‘500 e il ‘700. Scoperte in seguito ai lavori di ristrutturazione della chiesa, sono state portate alla luce 7 tombe contenenti oltre 100 corpi, in una sepoltura multipla che lascia a bocca aperta.

Tra gioielli, accessori per capelli e utensili, osserveremo tanti pezzi di un puzzle che daranno vita ad uno scorcio della storia della zona, vivendola così in prima persona. Avvolti in tessuti e unguenti profumati, i resti dei corpi si sono potuti conservare; in alcuni casi, li vedremo vestiti di sfarzosi abiti sepolcrali.

Dopo un viaggio a ritroso nel tempo per visitare la più importante scoperta archeologica del secolo in Alto Appennino Modenese, proseguiremo fino a percorrere antichi sentieri e strade di comunicazione ducale.

Tra queste ci ospiterà anche la via Vandelli, che ci condurrà alla volta del “vulcanico” Sasso Tignoso, una sezione di crosta oceanica dalla forme contorte. Qui potremo apprezzare l’atmosfera distesa per gustare il nostro pranzo al sacco.

Ripercorreremo infine la storia della roccaforte sul Pelago anche con la visita al museo di Obizzo di Montegarullo, il signore locale, che tenne testa agli Estensi e al Granducato di Lucca sul finire del XIV secolo.

La guida

Fabio Cavazzuti

Dettagli

Luogo

Pievepelago (MO)

Livello di difficoltà (CAI)

E

Orario di ritrovo

Ore 9:00 Partenza escursione: 9:30

Orario di rientro

Ore 14:30 ca.

Cani ammessi

Sì, sono ammessi con guinzaglio e sacchetti per eventuali deiezioni

Lunghezza percorso

9 km ca.

Dislivello

400 metri

Stato del fondo

Sentiero in parte su mulattiera e in parte su roccia, con alcuni tratti molto panoramici, senza particolari difficoltà tecniche.

Cosa portare

Scarponcini da trekking, abbigliamento a cipolla, pranzo al sacco, acqua, snack energetici, giacca a vento impermeabile, protezioni solari, mascherina e gel igienizzante

Costo degli extra

Offerta libera per visita al museo

Fai già parte di Meeters? Accedi per visualizzare tutti dettagli
Accedi

Politica di annullamento

L'evento potrebbe essere annullato o spostato nel caso in cui:

  • non raggiungesse il numero minimo di partecipanti
  • le condizioni meteo non possano permettere il regolare svolgimento in sicurezza

Per informazioni più dettagliate cliccate qui

Note

REGOLE DA RISPETTARE PER PARTECIPARE A QUESTO EVENTO:
  • Ti chiediamo buonsenso e responsabilità, al fine di garantire la tua sicurezza e quella degli altri partecipanti
  • Porta sempre con te la mascherina e il gel igienizzante per le mani
  • Indossa la mascherina in tutti i luoghi chiusi e all’aperto, ove sia più probabile il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale
  • Rispetta il distanziamento sociale di almeno un metro e utilizza la mascherina qualora non possa essere garantita la distanza con le altre persone

Rispettiamo l’ambiente

  • Non lasciare rifiuti dove non è permesso.
  • Non gettare mozziconi o carte a terra.
  • Rispetta flora e fauna del luogo.
  • Cerca di tenere un comportamento corretto e rispettoso della natura/dell’infrastruttura che ci ospita.