Eventi in Programma

Filtro Eventi Mostra 1 - 12 di 129 risultati
Disponibilità
Mese
Giorno
Regione
Difficoltà
Età Consigliata
  • 15

    20 LUGLIO – Il Lago di Barcis e la Forra del Cellina, Le Acque Color Smeraldo che Scavano le Montagne (PN)

    Incastonato come una perla nel cuore della ridente Valcellina, il Lago di Barcis accoglie i visitatori ammaliandoli a prima vista con le sue acque color smeraldo, incorniciate dai boschi lussureggianti di abeti e faggi che offrono uno spettacolo incantevole in ogni stagione. La sua storia è intimamente legata allo sviluppo di queste terre, che intrappolarono le acque del torrente Cellina con una diga, creando questo splendido panorama artificiale. La sua bellezza è quindi indissolubilmente legata a questo fiume, che, operando con i suoi affluenti ci ha regalato uno dei geositi più spettacolari della regione: La Forra del Cellina. Passeggeremo lungo il “Sentiero del Dint”, CAI 997, che si sviluppa a pochi metri dal Centro Visita della Riserva. Durante l’escursione tre punti panoramici ammalieranno i vostri occhi con la meravigliosa vista sulla forra del torrente Cellina e del lago. Tornando indietro riprenderemo la via ciclopedonale verso il centro di Barcis, soffermandoci al Centro Visite della Riserva Naturale Forra del Cellina, per salutarci infine davanti a Palazzo Centi, nel centro cittadino, un’elegante architettura veneziana Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • 15

    20 LUGLIO – L’Alta Via dei Parchi e la Linea Gotica: Leggenda nella Natura Selvaggia (FI)

    Lasciatevi conquistare da un verdissimo e dolce paesaggio, tra migliaia di specie di fiori silvestri in cui le orchidee selvatiche spiccano leggiadre che tra uccelli rari e farfalle di ogni colore e forma. Le praterie che solcheremo sono un ambiente esclusivo, tutelato a livello comunitario come biotopo unico nel suo genere in tutta Europa. 😍 Camminare lungo questi crinali sarà un’ottima occasione per imparare a riconoscere, osservare e apprezzare questa incredibile biodiversità. Lungo il nostro percorso incontreremo alcune perle geologiche, fra cui il sasso di San Zenobi , uno scuro macigno di origine oceanica e magmatica, caratterizzato da una particolare aura. L’isola di roccia che si staglia aguzza crea un contrasto ad effetto tra l’asprezza del suo aspetto e la morbidezza delle praterie che lo circondano ed è legata ad una maliosa leggenda: a rendere l’ambiente più suggestivo, la storia vuole il masso sia stato posto lì a seguito di una scommessa tra San Zenobi e il Diavolo in persona, per stabilire chi si potesse aggiudicare le anime dei mortali.✨ Concluderemo il nostro soddisfacente trekking ritornando insieme al punto di partenza, concludendo, per chi vorrà, con il pranzo al sacco consumato in compagnia. Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • 15

    20 LUGLIO – Il Balcone del Monte Avena: le Vette Feltrine a 360° (BL)

    Un’escursione con una prospettiva di prestigio sulle Vette Feltrine, la lunga catena montuosa delle tra Belluno e Trento, splendida porzione meridionale delle Dolomiti.🌈 In questo spettacolare itinerario, tra boschi di abete e faggio, ampie praterie e malghe, vivremo un percorso semplice, ma al contempo affascinante, ricco di intrecci tra storia e natura. La nostra passeggiata ad ampio respiro, ci consentirà di poggiare lo sguardo sulle magnifiche vette delle Dolomiti bellunesi. 🌲 Risaliremo le verdissime praterie tanto apprezzate dagli amanti dell'alpeggio fino a raggiungere Malga Campon: da qui la magica finestra panoramica che ci troveremo dinnanzi ci regalerà una vista di tutto pregio sulla splendida conca feltrina e sulle vette dolomitiche su cui si affaccia Croce d'Avena. Proseguiremo attraverso un delicato sentiero che tra rigogliosi boschi si snoda creativo dando vita a un’eccitante passeggiata fino a condurci nuovamente a Malga Casera dei Boschi dove concluderemo la nostra entusiasmante escursione.😎 Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • Sold out
    15

    20 LUGLIO – La magia del Lago Moro, lo specchio d’acqua della Val Camonica (BS)

    Il lago Moro è uno dei posti più incantevoli e meno noti della provincia di Brescia. Le sue pareti di roccia quarzosa bruno rossastra sono ripide e scendono immediatamente in profondità, favorendo la colorazione piuttosto scura delle acque. Questa particolare morfologia è dovuta all’azione erosiva dei ghiacciai che hanno formato il lago. Collocato in una conca e circondato per tutto il perimetro da vette di varia altitudine, il lago Moro ha acque fredde, che durante gli inverni rigidi possono anche ghiacciare. L’affascinante escursione che faremo, ci permetterà di superare una forra sul torrente Dezzo e attraversare boschi panoramici sulla valle Camonica per giungere al suggestivo Lago Moro. Qui scopriremo la leggenda che ruota attorno a questo specchio d’acqua e percorreremo il periplo del lago per tornare sui nostri passi a Gorzone. Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • 15

    20 LUGLIO – Alla scoperta del Lago di Fimon (VI)

    Percorso che parte dal Lago di Fimon, presente nel territorio di Arcugnano, e che, con un’ascesa graduale tramite un bel sentiero panoramico dal quale ammireremo il Lago dall’alto, ci porterà a raggiungere il territorio di Lapio. Il percorso si snoda fra piccoli agglomerati di case, campi, vigne e boschi e gradualmente ritorna a valle raggiungendo nuovamente il Lago. Il Lago di Fimon è l'ultimo bacino naturale rimasto nel complesso berico dopo il prosciugamento di quello della Granza e dopo le bonifiche delle Valli del Palù di Brendola e della Fontega. Il lago ha avuto origine dalla formazione di uno sbarramento alluvionale, prodotto dai fiumi Brenta, Astico e Bacchiglione ai margini dei Berici; in questa depressione si è andata via via accumulando l'acqua proveniente da tutti i torrenti dei colli. Da analisi condotte sembra che abbia circa 35.000 anni, il più antico del nord Italia, molto più vecchio del Lago di Garda e ”battuto” solo dai laghi vulcanici del centro Italia. Nella zona sono stati rinvenuti molti reperti del Neolitico e dell'Età del Bronzo, che rendono questi luoghi molto interessanti dal punto di vista paleoantropologico. Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • 15

    20 LUGLIO – Da Levanto a Monterosso: il Cammino di Montale (SP)

    La vostra giornata Meeters avrà inizio dall’incantevole cittadina di Levanto, nota meta turistica che deve la sua fama alla sua posizione peculiare. Situata al centro si una suggestiva valle, le sue dorsali finiscono in mare col promontorio del Mesco e la punta di Levanto, andando a formare uno splendido scenario rivestito dal verde di boschi , ulivi e vigne. Al centro di ogni territorio sono situati piccoli borghi che hanno conservato i colori antichi della loro identità, insediamenti minori, mulini, cappelle e piccoli santuari nascosti fra la folta vegetazione. Da Levanto seguiremo il sentiero Verde Azzurro immersi nella macchia mediterranea dipinta di pini marittimi, lentischi e lecci, con scorci a picco sul mare che hanno ispirato il poeta Eugenio Montale che a Monterosso, luogo del vostro arrivo, trascorse molti anni di vita. Giunti a Monterosso, sarà immancabile il promontorio di Punta Mesco, dal quale sarà possibile ammirare la Corsica e le isole toscane, le Alpi marittime e tutta la costa da Portovenere a Portofino. Da Monterosso percorreremo, infine, "La Via delle Agavi”, suggestivo percorso nel borgo tra storia, cultura locale e versi del premio Nobel Eugenio Montale. Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • Sold out
    15

    20 LUGLIO – Il Lago di Como: Impareggiabile Panoramica da Monte San Primo (CO)

    Tra le Prealpi Comasche, Monte San Primo spicca con i suoi 1682 m, configurandosi come la vetta più alta del Triangolo Lariano. Lo scenico massiccio consente un’impareggiabile vista a 360° sul lago di Como e sulla punta di Bellagio, ma non solo: nelle giornate particolarmente limpide, fa dono ai suoi ospiti dello spettacolo di gran parte dell’arco alpino e degli Appennini, una scena impagabile a cielo terso.🌈 Da sempre scelta come luogo di insediamento, la zona ha contribuito allo sviluppo della singolare economia “di montagna”, attività tradizionali che fino a metà del secolo scorso sono state particolarmente floride. Connesso a questo fattore, una singolare caratteristica ci colpirà: come gran parte del Triangolo Lariano, l’area presenta scarsità di boschi e di vegetazione in generale. Tra allevamento e taglio dei boschi di faggi che la popolavano, infatti, gli abitanti della zona hanno contribuito a ridurre la presenza del verde che solo oggigiorno sta cominciando a ripresentarsi con la colonizzazione di rigogliosi noccioli e fresche betulle. Utilizzato fino agli anni ’70 come stazione sciistica, è oggi uno dei luoghi principali dove poter vivere un trekking memorabile: i percorsi ad ampio respiro e gli scorci da cartolina ci estasieranno ad ogni passo.👣 Nell’adiacente zona Piano Rancio, a 944m, si trova, inoltre, la sorgente Menaresta da cui sgorga il Lambro, il principale fiume della Brianza. Un ambiente unico che tra massi erratici e di origine glaciale e sentieri panoramici merita d’essere conosciuto.😍 Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • 15

    21 LUGLIO – I Laghi di Revine: Un’Azzurra Pennellata nella Valmareno (TV)

    Tra le Prealpi venete e le colline trevigiane, questo itinerario in particolare ci farà emozionare con l’incredibile spettacolo che ci offrirà. Abbracciati dalla Valmareno, un suggestivo solco vallivo che segue il corso del vivace fiume Soligo, cammineremo lungo le rive di due pittoreschi laghi glaciali.😍 Il lago di Santa Maria e il lago di Lago, comunemente noti come Laghi di Revine, sono due splendidi specchi d’acqua che tingono d’azzurro la provincia di Treviso. Il nostro percorso sarà affiancato da un caratteristico paesaggio, impreziosito da flora e da fauna tipicamente lacustri, tra verdissimi canneti, splendide ninfee e rugiadosi boschi idrofili. In questa ambientazione tanto bella da sembrare fatata, si intersecano perfettamente anche deliziosi piccoli borghi, luoghi ricchi di testimonianze storiche e preistoriche della Valle.🌲 Tra questi delicati paesini sono degni di nota Colmaggiore e Fratta, caratteristici villaggi con edifici dai muri di coriacea pietra. Alcuni di questi singolari fabbricati esibiscono bellissimi murales ispirati agli antichi mestieri, ad antiche leggende o alla semplice onesta vita contadina di un tempo. Un tocco di arte urbana ad incorniciare un luogo che già si configura come un capolavoro naturale degno delle più prestigiose gallerie. Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • 15

    21 LUGLIO – Vista Panoramica sul Monte Cimone: tra Leggenda e Realtà alle Porte dell’Inferno (MO)

    Affronteremo insieme un percorso eccezionalmente vario e gratificante, in un territorio sconosciuto ai più, un vero tesoro offerto dell’Appennino modenese. 🍃 Tra ombrose pinete e aride coste assolate che ci allieteranno con il profumo del mare e della tipica macchia mediterranea, arriveremo fino alle pregevoli cascate al Rio del Bosco un corso d’acqua che ha scavato una stretta gola con diversi salti d'acqua. Nei suoi pressi, visiteremo una splendida cascata che cade nei pressi dell'antico mulino impreziosito dal ponte in pietra e con canale di derivazione ancora intatto. Proseguiremo alla volta del borgo di Castellino di Riolunato, che ci sorprenderà con la sua torre medievale e continueremo il nostro cammino per antiche strade storiche: avremo il privilegio di sfiorare la Via Vandelli, un’antica strada militare e commerciale che nel XVIII secolo era la via di collegamento per eccellenza tra Modena e Massa. Giungeremo poi alla famigerata località Inferno, nei pressi di Lama Mocogno. La zona è stata all’origine di numerose leggende data la presenza di un fenomeno alquanto singolare: in passato le fratture nel terreno erano all’origine di fiammate che davano l’impressione di essere alle porte dell’Inferno; proprio per questo, il fenomeno noto come “fuochi del Barigazzo” è stato oggetto di racconti folkloristici particolarmente entusiasmanti.🔥 La nostra escursione sarà resa ancora più preziosa dalla presenza di scene naturali degni essere il soggetto di prestigiosi dipinti: saremo meravigliati di fronte all’immensità delle viste panoramiche sulla valle dello Scoltenna, sul Monte Cimone e sul crinale dell’Alto Appennino Modenese. Tra folklore e natura in un’esperienza difficile da dimenticare.😍 Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • Sold out
    15

    21 LUGLIO – In Val d’Erve, tra scivoli naturali e acqua cristallina (LC)

    Tra ripide pareti di roccia calcarea scavate nel corso del tempo dal torrente Gallavesa, si sviluppa splendida La Val d’Erve. Ricca di peculiarità e di paesaggi vari e diversi, ma perfettamente in armonia tra loro, tra pareti rocciose, vie ferrate, sentieri e passeggiate, saprà farvi vivere un’esperienza indimenticabile. È in questo ambiente verdeggiante dalla bellezza selvaggia che ci muoveremo costeggiando il corso del torrente fino a raggiungere la sorgente San Carlo dove potremo riposare ascoltando l’acqua che scorrendo leggiadra forma delle pozze cristalline. Tra spruzzi e cascatelle, l’ambiente suggestivo saprà regalarvi un assaggio d’estate, rinfrescandovi e distendendovi i sensi. Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • Sold out
    15

    21 LUGLIO – Le Cascate del Perino, l’area selvaggia e incontaminata della Val Trebbia (PC)

    Semplice escursione alla scoperta delle cascate del Perino, uno dei percorsi più suggestivi della provincia di Piacenza. Il Perino dopo aver solcato i dolci pendii della valle omonima si restringe improvvisamente in una stretta gola dando inizio ad un susseguirsi di salti formando cascate naturali di straordinaria bellezza! Il tracciato prosegue verso le altre 5 cascate e, raggiunta l'ultima, si abbandona il percorso per imboccare la strada sterrata che con un semianello ci riporta al punto di partenza. L’itinerario di tipo escursionistico ha uno sviluppo lineare di circa 7 km, tutti su sterrato o sentiero. Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
  • Sold out
    15

    21 LUGLIO -Il Tesoro Nascosto di Gallio: il Canyon di Buso Vecio (VI)

    Nel panorama da sogno che offre l’Altopiano dei Sette Comuni, originato da rocce scavate dall’incessante scorrere del torrente Frenzela, asciutto solamente in estate, il Buso Vecio, (espressione che in dialetto veneto letteralmente significa il “vecchio buco”) è un canyon nascosto ai molti e uno spettacolo per pochi. Partendo dal centro di Gallio, un paesino in cui la magia dei paesaggi si unisce a un’aria pura e incontaminata tanto quanto lo è la natura cui fa da cornice, prenderemo un sentiero che ci porterà alla sorgente della Val Frenzela, in un luogo dove sorgevano antichi mulini ed opifici. Percorreremo la Valle, tra dolci cascatelle e guadi del torrente, immergendoci tra le secolari foreste dell'Altopiano che ci doneranno una piacevole ombra durante il nostro cammino. L’attraversamento ci condurrà infine alla tanto agognata meta: canyon protetto tra queste montagne, il Buso Vecio si mostrerà a noi in tutto il suo splendore, come una distintiva spaccatura nella roccia che potremo attraversare e vivere dall’interno. Un’avventura che saprà farci sentire dei veri esploratori in un luogo in cui la storia dell’uomo si intreccia con la storia della terra, tra antiche leggende che si perdono nello scorrere delle acque. 🌲 Per qualsiasi comunicazione relativa a modifiche o annullamenti ti avviseremo tramite SMS al numero che hai inserito in fase di prenotazione all’evento.
    15
    15
Ricevi una notifica se si libera un posto Riceverai una email se si libera un posto
Email Dichiaro di aver preso visione dell'informativa di Privacy Policy e acconsento al trattamento dei dati personali.